Eventi regionali 2018
04 marzo

Trofeo Pinocchio - Fase Invernale

Cantalupa (TO)
20 maggio

Regionale Campagna

Lombardore (TO)
26 maggio

Trofeo Pinocchio - Fase Estiva

Venaria Reale (TO)
27 maggio

Regionale Targa (J/S/M OL+CO)

Venaria Reale (TO)
10 giugno

Regionale Targa (G/R/A OL)

Collegno (TO)
08 luglio

Regionale 3D

Villar Focchiardo (TO)
Chi è online
 47 visitatori online
Login



Amministrazione

Matteo Fissore a Las Vegas per le finali di Coppa del Mondo Indoor


Primo nella classifica generale di Coppa del Mondo Indoor dopo le prime tre tappe, Matteo Fissore si appresta a disputare la quarta e ultima prova, in programma a Las Vegas tra oggi e domani. In giornata sono previste le prime 30 frecce di qualifica; domani le qualifiche si completeranno con le altre 30 frecce, quindi i migliori 16 della classifica generale – considerando cioè anche i punteggi delle prime tre tappe – si giocheranno la vittoria di Coppa con gli scontri diretti dagli ottavi alle finali. Sono 67 gli iscritti alla prova finale di Coppa del Mondo nella divisione arco olimpico e tra questi c'è proprio Matteo Fissore, classe 1986, originario di Fossano e attualmente tesserato per l'ANPS – Associazione Nazionale Polizia di Stato. In stagione Matteo ha vinto la prima tappa di Coppa del Mondo Indoor, disputata a Marrakesh a novembre e ha conquistato l'argento nella seconda, a inizio dicembre a Bangkok. Nella terza prova di Nimes non si è qualificato per gli scontri diretti, raccogliendo comunque qualche punto utile per rimanere in testa alla classifica generale di Coppa. Ha 101 punti e precede l'olandese Steve Wijler e lo statunitense Brady Ellison rispettivamente di 1 e 16 lunghezze.

Tutti i risultati a questo link

La classifica di Coppa del Mondo indoor a questo link

Foto World Archery

 

3 arcieri piemontesi ai Mondiali Indoor



dal sito www.fitarco.it

Il più importante evento agonistico indoor del 2018 è il Mondiale, in programma a Yankton (USA) a partire dal 15 febbraio. Il Responsabile Tecnico Wietse Van Alten ha diramato ieri le convocazioni – 18 atleti in tutto, divisi tra arco olimpico e compound e tra le classi Senior e Junior – e ben 3 arcieri piemontesi vestiranno la maglia azzurra. Nell'olimpico Junior l'Italia schiera Tatiana Andreoli e Aiko Rolando, classe 1999 e 2002, entrambe tesserate per l'Arcieri Iuvenilia. Nel compound senior ci sarà invece Irene Franchini, atleta emiliana tesserata per le Fiamme Azzurre e per gli Arcieri delle Alpi. Da segnalare anche la convocazione di Alex Boggiatto (Ar.Co. Arcieri Collegno) come riserva a casa nel compound Junior.

Oltre ai tre arcieri del nostro Comitato Regionale faranno parte della nazionale italiana Massimiliano e Claudia Mandia (Fiamme Azzurre), Mauro Nespoli e David Pasqualucci (Aeronautica Militare), tutti e quattro impegnati nell'olimpico Senior; Simone Guerra (Arcieri Vicenza) e Tanya Giaccheri (Compagnia D'archi) nell'olimpico Junior; Sergio Pagni (Arcieri Città di Pescia), Alberto Simonelli (Fiamme Azzurre), Viviano Mior (Kosmos Rovereto), Marcella Tonioli (Arcieri Montalcino) e Eleonora Sarti (Fiamme Azzurre) nel compound senior; Jesse Sut (Kosmos Rovereto), Sara Ret (Arcieri Cormòns), Elisa Roner (Kosmos Rovereto) e Elisa Bazzichetto (Arcieri del Torresin) nel compound Junior.

Lo staff azzurro sarà formato dal Capo delegazione Maurizio Belli, dal Responsabile Tecnico Wietse Van Alten, dal tecnico compound Flavio Valesella, dal Responsabile Tecnico Giovanile Stefano Carrer, dal Tecnico Olimpico Giovanile Gianni Falzoni e dal tecnico del Compound Giovanile Tiziano Xotti.

L’Italia volerà a Yankton con grande ambizione e con risultati importanti da difendere. Ai Mondiali Indoor di Ankara nel 2016 ha chiuso al primo posto nel medagliere con 5 ori, 2 argenti e 3 bronzi, mentre ai Mondiali di Nimes del 2014 fu seconda. Ad Ankara vinsero il titolo iridato Irene Franchini e Tatiana Andreoli, quest'ultima con la squadra femminile Junior dell'olimpico completata da Loredana Spera e Tanya Giaccheri. Tatiana fu anche argento individuale tra le Junior, così come Irene con la squadra compound Senior, insieme a Laura Longo e Eleonora Sarti. A livello internazionale indoor, l'Italia è inoltre reduce da un'edizione trionfale dei Campionati Europei; 11 mesi fa a Vittel gli azzurri raccolsero 6 ori, 2 argenti e 2 bronzi. Nell'olimpico Junior Tatiana Andreoli si laureò campionessa individuale e a squadre, con Vanessa Landi e Tanya Giaccheri.

Foto World Archery

 

Campionati Italiani Indoor Para-Archery, medaglia d'oro per Elisabetta Mijno. Bronzo per Roberto Airoldi



Titolo tricolore assoluto, oro di classe e record del mondo sulle 60 frecce (in attesa di omologazione). Elisabetta Mijno è grande protagonista ai Campionati Italiani Indoor Para-Archery, disputati tra ieri e oggi a Palermo. La 32enne arciera torinese tesserata per le Fiamme Azzurre si è laureata campionessa italiana nell'arco olimpico superando 6-0 in finale la calabrese Vincenza Petrilli (Aida). Con analogo punteggio aveva superato nella semifinale di ieri la giovane modenese Francesca Morselli (Arcieri Aquila Bianca), oggi battuta nella finale per il bronzo da Kimberly Scudera (Arco Club Gela). Sempre ieri, al termine delle qualifiche, Elisabetta aveva conquistato il titolo di classe (Senior) con 569 punti, score che rappresenta il nuovo record mondiale sulle 60 frecce, sebbene non ancora convalidato.

“Nell'ultimo periodo mi sto allenando bene e sto tirando altrettanto bene” spiega l'azzurra torinese, plurimedagliata a Olimpiadi, Mondiali ed Europei, “ho cambiato qualcosa a livello tecnico e di materiali e ho disputato la mia miglior stagione indoor degli ultimi anni”. In preparazione ai Tricolori appena conclusi, Elisabetta ha preso parte a diverse gare; dopo le prime due andate “così così”, il 6 gennaio a Cameri ha stabilito il proprio record personale sulle 60 frecce, ma il punteggio di 571 non è stato omologato come primato mondiale poiché fatto registrare in una gara interregionale e non nazionale. Ha quindi partecipato ad altre due competizioni, sfiorando il record personale nella prima (568), e oggi ha messo in bacheca l'ennesimo titolo italiano.

Dopo la laurea in medicina e l'inizio della specializzazione di ortopedia a Parma, Elisabetta Mijno è tornata a Torino per completare i suoi studi. Lavora a tempo pieno al CTO di Torino e dopo la giornata in ospedale sfrutta gran parte del tempo libero per allenarsi. Nel 2017 ha vinto il titolo mondiale mixed team insieme a Stefano Travisani e il bronzo iridato a squadre con Annalisa Rosada e Veronica Floreno. Da ricordare, inoltre, che nel 2016 aveva conquistato a Rio la seconda medaglia olimpica personale dopo l'argento di Londra 2012, cioè il bronzo nel mixed team in coppia con l'altro piemontese Roberto Airoldi, portacolori degli Arcieri Cameri.

Ai Campionati Italiani Indoor Para-Archery ha vinto una medaglia proprio Roberto Airoldi, bronzo nell'arco olimpico grazie alla vittoria nella finale per il terzo posto contro il padrone di casa Giuseppe Arcieri (Dyamond Archery Palermo). L'azzurro si è imposto allo shoot off (6-5/10-9) e ha completato il podio alle spalle di Fabio Tomasulo (Gruppo Sportivo Paralimpico della difesa) e Stefano Travisani (Fiamme Azzurre). In precedenza Roberto Airoldi aveva perso in semifinale contro lo stesso Travisani, dopo aver battuto agli ottavi e ai quarti Cataldo Torella e Maurizio Mancini (ASCIP).

Il 2018 di gare nazionali proseguirà con i Campionati Italiani Indoor, in programma il 24 e 25 febbraio a Rimini, cui Elisabetta Mijno parteciperà. Il 26 e 27 maggio a Cologno Monzese si terranno invece i Campionati Italiani Targa Para-Archery. Per quanto riguarda il calendario internazionale la nazionale paralimpica sarà impegnata nell'European Cup e ai Campionati Europei, dall'11 al 19 agosto a Pilsen (Repubblica Ceca).

Il resoconto delle finali dei Campionati Italiani Indoor Para-Archery a questo link

Foto Bizzi/Ability Channel

 

Campionati Italiani Indoor Para-Archery, Elisabetta Mijno oro di classe e in finale per il titolo assoluto



Si è conclusa a Palermo la prima giornata dei Campionati Italiani Indoor Para-Archery, che tra i suoi protagonisti ha avuto sicuramente Elisabetta Mijno. L'arciera torinese tesserata per le Fiamme Azzurre ha conquistato il titolo di classe (Senior) nell'arco olimpico con 569 punti, score che rappresenta il nuovo record mondiale sulle 60 frecce, sebbene in attesa di essere convalidato. Elisabetta ha preceduto sul podio di classe Kimberly Scudera (Arco Club Gela, 465) e Vincenza Petrilli (Aida, 455) ed è poi tornata sulla linea di tiro per gli scontri diretti. Ha superato i quarti di finale grazie a un bye e in semifinale ha piegato 6-0 la giovane Francesca Morselli (Arcieri Aquila Bianca). Oggi si giocherà l'oro assoluto contro Vincenza Petrilli.

Per quanto riguarda gli atleti piemontesi si sono qualificati al tabellone degli scontri diretti anche Roberto Airoldi (Arcieri Cameri) e Gioele Gattuso (Arcieri delle Alpi), rispettivamente nelle divisioni olimpico e compound. Roberto ha concluso le qualifiche al decimo posto e agli ottavi di finale incontrerà Cataldo Torella (ASCIP); Gioele, ieri nono, se la vedrà agli ottavi contro Theiner Armin (Brixen Amateursportverein).

Il resoconto completo della prima giornata dei Campionati Italiani Indoor Para-Archery a questo link

Foto Ability Channel

 

Tre piemontesi in raduno a Cantalupa



12 arcieri azzurri sono da ieri in collegiale al Centro Federale di Cantalupa e vi rimarranno fino a domenica. Si tratta di Federico Musolesi (Castenaso Archery Team), David Pasqualucci, Marco Galiazzo, Marco Morello e Amedeo Tonelli, tutti e quattro tesserati per l'Aeronautica Militare, di Yuri Belli (Arcieri Aquila Bianca), delle campionesse del mondo Junior in carica Lucilla Boari (Arcieri Gonzaga), Tatiana Andreoli (Iuvenilia) e Vanessa Landi (Arcieri Montalcino), di Jessica Tomasi (Aeronautica Militare), Loredana Spera (Arcieri del Sud) e Tanya Giada Giaccheri (Compagnia d’Archi). Morello e Tonelli sono tesserati anche per la società torinese Iuvenilia. Il gruppo di atleti è seguito dal Responsabile Tecnico Wietse Van Alten, dal tecnico Ilario Di Buò e dal preparatore fisico Jacopo Cimmarrusti.