Trofeo CONI, quattro giovani piemontesi in gara a Rimini



Quattro autobus carichi di giovani atleti di oltre quaranta discipline sportive sono partiti ieri mattina dal Piemonte con destinazione Rimini, città che in questi giorni ospiterà la fase nazionale del Trofeo Coni. Una festa di sport per circa tremila ragazzi provenienti da tutte le regioni d'Italia, che ieri sera hanno sfilato per le vie della città romagnola nella cerimonia di apertura della manifestazione. Naturalmente presente il tiro con l'arco, disciplina nella quale il Piemonte è rappresentato da Valentina Serta, Myanmar Oliva, Alessio Biagio e Nicola Abou Mrad, accompagnati a Rimini da Luigi Mobiglia, tecnico del Sentiero Selvaggio. Le ragazze sono entrambe classe 2004 e tesserate per il Sentiero Selvaggio, i ragazzi sono di un anno più giovani e portacolori dell'Arcieri Clarascum. Tutti e quattro hanno conquistato l'accesso alla fase nazionale del Trofeo Coni grazie ai brillanti risultati ottenuti in occasione della fase regionale della manifestazione, disputata in primavera. La scorsa settimana i giovani arcieri piemontesi si sono trovati a Venaria sul campo del Sentiero Selvaggio, per conoscersi e per allenarsi tutti insieme. Ieri sono partiti per una trasferta che ricorderanno sicuramente a lungo; dopo il viaggio hanno partecipato alla cerimonia di apertura e domani scenderanno in campo per la loro gara. La formula prevede 24 frecce di qualifica a 15 metri e una fase a eliminazione diretta con scontri mixed team per regioni. A quest'ultima accederanno pertanto il primo ragazzo e la prima ragazza di ogni regione. Le migliori undici regioni della qualifica entreranno in tabellone agli ottavi, le altre si affronteranno in un turno preliminare.