Elisabetta Mijno, un oro e un argento al ParaArchery World Ranking Event di Nove Mesto Stampa
Nazionale ParaArchery è stata impegnata, la scorsa settimana, nell'ultimo evento di qualifica per Tokyo2020 dove ottiene l'ottava (e ultima) carta paralimpica nel W1 femminile grazie alle frecce di Asia Pellizzari.
Per molti degli azzurri in gara era però l'ultimo test in vista proprio dei giochi a cinque cerchi di fine agosto.
Tra questi Elisabetta Mijno (Fiamme Azzurre/Arcieri delle Alpi), impeganta nel Ricurvo Open femminile, conquista ben due medaglie: oro nell'individuale e argento nel MixedTeam.

Elisabetta Mijno riesce a conquistare l'oro individuale battendo la fortissima iraniana Zara Nehmati 6-4 al termine di una sfida come sempre equilibrata. La campionessa paralimpica in carica vince il primo set 26-24, Mijno pareggia il conto nel secondo con un 27-26, ma la Nehmati si porta sul 4-2 aggiudicandosi il terzo set 28-24. La portacolori delle Fiamme Azzurre però reagisce ancora prima si guadagna il 4-4 col parziale di 27-21 e poi si mette al collo l'oro superando l'avversaria nel quinto set 25-24.


In precedenza l'arcieria piemontese era scesa sulla linea di tiro insieme a Stefano Travisani per la finale MixedTeam contro la Russia (Sidorenko, Smirnov)​. Gli azzurri sono andati sotto 2-0 dopo il primo set (35-31​), hanno pareggiato il secondo 31-31, ma è stato decisivo il terzo set che ha portato alla vittoria il duo russo per 5-1, grazie al parziale di 38-35. All'Italia resta quindi l'argento.​



--
Risultati completi